venerdì 23 gennaio 2015

Basta che funzioni no?

Se la signora Adinolfi interpreta la parola sottomessa, pronunciata dal marito, come al servizio della famiglia, bhe chi siamo noi per giudicare le loro dinamiche di coppia?
Se a le va bene essere mite ed angelo del focolare, nulla da eccepire, a condizione che non mi imponga nè la sua visuale di donna nè quella di famiglia.
Io non mi ritengo certo nè offesa nè colpita dalle sue parole, io sono esattamente il suo opposto ed infatti lei ha sposato Adinolfi, io mio marito che la pensa come me!
Se lei ed il marito fanno sesso senza precauzioni, liberi di farlo, se avessi seguito tale metodo a quest'ora avrei una squadra di calcetto e molto probabilmente sarei una mamma non solo stanchissima e stressatissima, ma assolutamente insoddisfatta della sua vita, dato che io voglio essere altro, per il mio bene e per quello dei miei due figli.
Le scelte personali di una coppia devono rimanere all'interno delle loro quattro mura domestiche, sono solo loro e tali devono rimanere, non possono certo essere utilizzate o peggio strumentalizzate per fare propaganda politica o sociale.
Adinolfi e consorte un po' di discrezione sulle vostre pratiche sessuali e non guasterebbe, in fondo i panni sporchi, se ci sono, si lavano in famiglia!


Nessun commento:

Posta un commento