giovedì 22 gennaio 2015

Giancarlo Magalli for President

Chi doveva capire, al solito non ha capito il messaggio, neppure tanto fra le righe, mandato dagli italiani.
Vediamo quindi di spiegarlo ben bene.
Per un certo numero di italiani non esiste un presidente che li rappresenti, almeno politicamente, televisivamente però hanno le idee fin troppo chiare. 
Dalle Quirinarie on-line emergono due dati che fanno riflettere, ahimè, sullo spirito generale che aleggia intorno a noi, o quantomeno sul campione che ha partecipato al sondaggio:
1. la popolarità televisiva sembra essere una qualità indispensabile, sei qualcuno solo se compari in tv, conseguenza dell'essere ormai schiavi di programmi poco impegnativi e, più o meno, sempre uguali;
2. nessun rinnovamento televisivo, la vecchia guardia, seppur criticata, ultimo esempio recente Raffaella Carrà con il suo talent "Forte, forte, forte", resiste imperterrita nonostante ci siano altri presentatori con meno odore di naftalina quali ad esempio Fabrizio Frizzi, specchio del fallimento della politica della rottamazione tanto propagandata da #Renzi.
Pare quindi che il nostro prossimo presidente, per avere un minimo di credibilità, debba essere scelto anche tra chi abbia sia un buon share che un buon audience televisivo.


Nessun commento:

Posta un commento