sabato 3 gennaio 2015

La CRISI ha commesso un altro omicidio, ma rimarrà impunita.

Il fatto è avvenuto a Savona, la titolare di un'agenzia di viaggi, Sarah Siter 42 anni, è stata uccisa, il colpevole, anzi la colpevole è già stata individuata, ma non verrà arrestata: è stata la  CRISI.
La CRISI la seguiva già da un po', prima aveva convinto la socia della Siter ad abbandonare l'attività, pensava di averla convinta a mollare, ma lei aveva resistito, quindi ha iniziato a perseguitarla, per fare ciò aveva assoldato due complici,TASSE e SCADENZE FISCALI VARIE, l'hanno pedinata incessantemente, un vero e proprio stalking fiscale, reato tuttavia non previsto dalla legge.
Alla fine, il tragico epilogo.
Nessuno pagherà per questo omicidio, non ci saranno indagini, nessuna troupe televisiva seguirà amici e parenti in ogni dove per carpire e distorcere dichiarazioni,vere o presunte, nessun processo mediatico nei salotti buoni televisivi della domenica,nessun avvocato rilascerà dichiarazioni alla stampa o farà ospitate televisive, nessun processo in nessun' aula di giustizia, solo un altro  nome che si aggiunge al lungo elenco di vittime uccise dalla CRISI. 
Momoblu



Nessun commento:

Posta un commento