martedì 6 gennaio 2015

#labuonascuola

1 PARTE

E' l'hashtag ultilizzato da Renzi, suggerito dal suo instancabile ufficio stampa, per cercare di spostare l'attenzione dal pasticciaccio della norma "salva Silvio".
Il primo commento che ho letto, alla pubblicazione della notizia, è stato quello di una mia amica, maestra di scuola primaria,
".... vedere tanto Renzi indaffarato a questa "buonascuola"in arrivo...e vederlo mentre scrive...neanche impugna correttamente la penna....ecco ...brivido..." 
E se è perplessa lei, che è del mestiere, cosa dovremmo pensare noi?
Negli ultimi 20 anni il copione è sempre quello: nuovo ministro, nuova riforma, manifestazioni in piazza degli insegnanti a settembre, occupazione delle scuole da parte degli studenti poco prima delle vacanze di Natale, ritorno alla normalità.
Chissà se sarà buona la prima o se si dovrà girare una nuova scena!

2 PARTE
C.V.D
Renzi fa marcia indietro, prima l'hastag #labuonascuola, poi i proclami, alla fine...tutto fumo e niente arrosto.
Non solo non è stata buona la prima, ma nemmeno la seconda.
La ragione è evidente devono ancora scrivere l'intera sceneggiatura, altro che film.
Le uniche scene che si girano a Roma sono quelle dell'agente 007.


Nessun commento:

Posta un commento