sabato 17 gennaio 2015

Svegliarmi abbracciata a Tinky Winky!

Può succedere alla mattina di svegliarmi e di accorgermi di avere gli occhi incollati, la bocca secca, la lingua impastata, i muscoli intorpiditi, le ossa rotte e di metterci qualche secondo o qualche minuto, per realizzare che la cosa soffice che sto abbracciando è Tinky Winky!
No, non sono i postumi di un venerdì sera in compagnia di amici a base di apericena, cena e discoteca, ma quelli di una nottata trascorsa nel lettone insieme ai miei figli, di cui uno, il più piccolo, con l'influenza.
Io abituata a dormire per almeno 8/10 ore, mi sono ritrovata catapultata nel mondo dei bambini in cui quando riesco a fare 5/6 ore filate, ho mal di testa per aver dormito troppo.
Io che dormivo sola, ho imparato a condividere il letto non tanto con mio marito o con i bimbi, situazione più comune di quello che sembra, molti genitori però lo ammettono solo a distanza di anni, quanto con i loro pupazzi.
Ad un certo punto non dormivo più nel mio letto, ma in mezzo ad uno zoo fatto di cagnolini, orsetti, tartarughe, tigri, leoncini, coniglietti, elefantini, asinelli, pecore, pesciolini, teletubbies, che non sono proprio animali, di varie grandezze e dai colori più improbabili.
A distanza di qualche anno la situazione si è normalizzata, ora i bimbi dormono con me, e con i loro inseparabili amici, solo in casi eccezionali e quando accade è molto probabile, se non quasi certo, svegliarmi alla mattina abbracciata a Tinky Winky.


  

Nessun commento:

Posta un commento