sabato 3 gennaio 2015

Una culla hi-tech costa molto meno di un asilo!

Come mamma sono contenta che a Daniela sia stata data la possibilità di vivere e di essere adottata da una famiglia, come libera professionista e cittadina italiana sono indignata che all'alba del 2015 ci siano ancora famiglie che non abbiano la possibilità di crescere un figlio.
Lasciare un neonato in una culla termica, per affidarlo ad estranei, dopo che per 9 mesi ti è cresciuto dentro, non è come buttarlo in un cassonetto dei rifiuti, deve aver richiesto una notevole dose di coraggio e, certamente, ha provocato un dolore immenso.
Un gesto d'amore disperato, ma forse l'unica soluzione per una donna o ancora peggio una famiglia che non ha saputo trovarne altre e, per quanto sia ammirevole il progetto di estendere il modello Careggi ad altre zone d'Italia, ancora meglio sarebbe l'attuazione di vere e proprie politiche a sostegno della famiglia, non aiuti a spot ed a tempo determinato, perchè un figlio è per sempre, non dura solo il tempo necessario per estinguere il prestito di 5 mila euro che lo Stato ti aveva concesso (nel lontano 2010).
Auguri piccola Daniela.
Momoblu

Nessun commento:

Posta un commento