lunedì 26 gennaio 2015

Una persona che una volta ho conosciuto

Ho smesso di amarti quando mi sono girata e non ti ho trovato al mio fianco, di colpo, come se un interruttore dentro di me si fosse spento per sempre.
Ho provato e riprovato, ma come potevo costringermi ad amare un uomo inesistente?
Un po' come lanciarsi nel vuoto senza paracadute, una cosa veramente stupida e senza alcun senso.
Ti avrei perdonato qualsiasi cosa, ma non questa tua mancanza.
Ho provato a spiegarti che ogni tuo tentativo si sarebbe infranto contro il muro che avevo eretto per proteggermi, ma tu non hai capito ed hai insistito, ad ogni tuo attacco io alzavo le difese sempre di più.
Non hai capito o più semplicemente era più facile non ammettere i tuoi errori, le tue mancanze, e così  hai iniziato a mentire agli altri su di me, su di noi.
Ti sei costruito un castello di carte dove ti sei rifugiato, basterebbe un mio soffio e tutto crollerebbe, ma non lo farò perchè tu per me sei solo una persona che una volta ho conosciuto.



Nessun commento:

Posta un commento