venerdì 13 febbraio 2015

50 sfumature di grigio: il rischio di rimaner delusi

era da metter in conto, sopratutto per chi ha letto l'intera trilogia!
I lettori accaniti lo sanno molto bene, spesso, la trasposizione di un romanzo sul grande schermo, potrebbe riservare amare sorprese.
Un libro non è solo un semplice esercizio di lettura, è molto altro, è immaginazione di luoghi, magari mai visitati, di situazioni che possono essere state vissute o meno, immedesimazione nei personaggi che noi stessi costruiamo, liberamente, secondo le nostre idee, i nostri modelli, i nostri gusti.
Il film altro non è che la personalissima lettura fatta dallo sceneggiatore, dal regista, dagli attori.
Quando poi si tratta, come in questo caso, di un romanzo incentrato su una storia d'amore non solo fuori dagli schemi, ma addirittura farcita in ogni suo particolare da quello che è l'ingrediente più personale e privato di ogni coppia e di ognuno di noi, il sesso, nello specifico giudicato da molti non solo politicamente scorretto, ma anche svilente ed umiliante nei confronti della donna, vista più come un oggetto che come una persona, bhe è evidente che non potrà avere consensi unanimi, ma susciterà in ogni caso la curiosità di molti in tutti i sensi.





Nessun commento:

Posta un commento