martedì 17 febbraio 2015

La situazione è incerta

ma come avevo già scritto ieri di una cosa siamo certi :

gli ultimi migranti morti al largo di Lampedusa, l'immane flusso migratorio che ci aspetterà, e che ci verrà presentato come emergenza umanitaria, altro non sono che denaro sonante per tutti i partecipanti di questo carrozzone carnevalesco in cui si è trasformata l'Italia.

Il flusso arriverà, in centinaia, in migliaia costretti o meno, stipati, ammassati su barconi fatiscenti, in condizioni al limite della sopravvivenza, terrorizzati, affamati, con la speranza, ridotta al lumincino, di un futuro migliore, scapperanno da una terra che è diventata una polveriera pronta ad esplodere. 
Per quanto ancora l'Europa rifiuterà di assumersi la responsabilità delle proprie azioni?
Quando l'Europa prenderà atto non solo di ciò che accade appena fuori dai suoi confini, ma anche al suo interno?
Quando l'Europa ammetterà il fallimento delle politiche di integrazione?
Speriamo non impieghi troppo tempo.


Nessun commento:

Posta un commento