sabato 7 febbraio 2015

Siamo tutti dei potenziali Graziano Stacchio.

Un rumore nel cuore della notte proveniente dall'appartamento sotto al tuo, pensi solo che chi vive lì è arrivato a casa tardi, forse un po' alticcio e che per questo abbia urtato, inavvertitamente, contro qualcosa, probabilmente un piccolo mobile ed invece...
Alla mattina scopri, dai vicini, che dei ladri si sono arrampicati, come acrobati, lungo la grondaia, hanno trovato la portafinestra del balcone aperta, sono entrati, hanno addormentato il proprietario ed hanno arraffato quanto hanno potuto lasciando, come traccia del loro passaggio, le loro impronte nere sul muro e nel giardino sottostante.
Rientri a casa dopo una breve vacanza, varchi la porta e ti accorgi subito che qualcuno, nel frattempo, ti ha fatto visita, mettendo a soqquadro ogni centimetro quadrato di casa tua, alla ricerca di qualcosa di prezioso, ha violato la tua sfera privata, ti ha portato via anche i ricordi di una vita, persi per sempre.
Ti sei recato in gioielleria, il proprietario è un tuo amico di vecchia data, giusto due chiacchiere ed, improvvisamente, ti ritrovi rannicchiato in un angolo, con un fucile puntato alla testa, pregando di rivedere la tua famiglia, mentre qualcun altro grida di aprire la cassaforte e di consegnare tutto il suo contenuto, sei vivo per miracolo, ti ripeti quando tutto è finito.
Ad un certo punto, sei, comprensibilmente, esausto, psicologicamente provato, dopo anni di sacrifici, in un attimo puoi perdere tutto, anche la vita e, visto che lo Stato non ti protegge, anzi quasi ti invita a non denunciare, tanto nessuno finisce più in carcere per un piccolo furto, decidi che non vuoi più essere passivo, che è arrivato il momento di reagire: monti le inferriate, trasformando la tua stessa casa in un carcere, installi un antifurto e, ahimè, ti armi, sperando, in caso di assalto, di avere abbastanza prontezza di riflessi per proteggere te stesso ed i tuoi famigliari, consapevole che un tal gesto potrebbe privarti della libertà, ma almeno, forse, sarai vivo, seppur con un enorme macigno sulla coscienza per essere stato costretto, per salvarti, ad uccidere un uomo.


Nessun commento:

Posta un commento