mercoledì 25 marzo 2015

Littizzetto vs suore di clausura: 1-1 palla al centro

In questi giorni c'è stato un botta e risposta piuttosto vivace tra la comica Luciana Littizzetto, famosa per le sue battute al vetriolo ed irriverenti, e le sue di clausura che, in occasione della visita di Papa Francesco a Napoli, si sono strette, pare, un po' troppo calorosamente, proprio intorno al pontefice.
Effettivamente, vedendo le foto ed i video della scena, sono rimasta un po' perplessa anche io, tuttavia quello che mi ha lasciato ancora più interdetta è stato apprendere che le suore Clarisse Capuccine di Napoli hanno una pagina su Facebook gestita dalla Madre Superiora, attraverso la quale hanno risposto, per le rime, all'osservazione, ironica, ma nemmeno tanto, della signora Littizzetto.
Ma la clausura non dovrebbe essere il cuore pulsante della cristianità, la dedizione assoluta dell'uomo a Dio attraverso il sacrificio personale e la preghiera costante, senza la quale tutto crollerebbe?
Ed i miei dubbi, le mie perplessità aumentano pensando al fatto che queste suore, hanno ottenuto un permesso speciale per poter porgere il loro saluto al Papa che ha organizzato il viaggio a Napoli, proprio durante la Quaresima, il cui momento culminante è la Morte e la successiva Resurrezione di Cristo.
Ma lo stesso periodo di Quaresima non dovrebbe essere sacrificio e preparazione alla Pasqua?
Non dovrebbe essere più intesa la preghiera in questi giorni, visti anche i tempi che stiamo. purtroppo. vivendo?
Era proprio necessario questo viaggio pontificio? 
Le suore non potevano scegliere un'altra modalità per esprimere la loro gratitudine al Papa senza mettersi sotto i riflettori dei media e dei social?
Domande su domande, ma nessuna risposta.


2 commenti:

  1. Beh ormai, dopo la suorina che canta canzonette d'amore laico in TV, siamo abituati a tutto! Tra poco butteranno la tonaca e si esibiranno nella lap dance, con il palo a forma di croce!!!

    RispondiElimina