venerdì 3 luglio 2015

#Grexit: e se sui barconi ci fossero i greci?

Se iniziassero a sbarcare sulle nostre coste i greci, che fuggono dalla loro patria, in cerca di un po' di quella fortuna, ora negata da quelle saracinesche abbassate, attraverso le quali molti pensionati, ormai stanchi e provati, sbirciano per vedere se qualcuno di buon cuore le apra, avremmo i coraggio di rispedirli indietro?
Cosa faremmo se ci trovassimo davanti un ragazzo un greco che ci chiede l'euro del carrello, che stiamo per riporre, dopo averlo vuotato dalla spesa?
Saremmo offesi ed indignati se fossimo invitati dalle Prefetture a mettere a disposizioni le nostre case e l numerose strutture pubbliche  vuote ed in disuso, per alloggiare famiglie greche sull'orlo del baratro?
Avremmo il coraggio di dire a questi  greci allo stremo delle loro forze di tornare a casa loro quando in Grecia miseria e povertà, figlie dell' austerity e delle politiche fallimentari e sbagliate, sono ormai padrone di tutto?
E se al loro posto ci fossimo noi italiani?
Non è invece, forse, giunta finalmente l'ora di liberarci da queste catene che ci rendono schiavi di un sistema, corrotto e suicida,capace solo di arricchire chi è già ricco ed ad impoverire i più poveri?




Nessun commento:

Posta un commento