venerdì 4 settembre 2015

Profugo

Davanti a me un interminabile muro di filo spinato
sotto ai miei piedi nudi l'acqua nera e gelida del mare
tutto intorno la guerra occidentale dell'indifferenza
non sono un sopravvissuto
sono morto prima ancora di partire



Nessun commento:

Posta un commento